The Best of Racquet

Racquet è una rivista trimestrale fondata nel 2016 da Caitlin Thompson e David Shaftel per celebrare «la cultura e lo stile del tennis». Pubblica pezzi lunghi e narrativi, slegati dall’attualità (per quello ci sono la mailing list e il podcast) e affidati a grandi firme. Nel 2020 i migliori articoli sono stati inclusi in Racquet. The Book, una sorta di “the best of” destinato alle librerie: una lettura utile per decidere se abbonarsi o meno alla rivista, consigliata per imparare a scrivere di tennis, imperdibile per i maniaci della racchetta.

Gli articoli sono 21, tutti di ottima qualità: si parla del jet di Andre Agassi e di circoli storici, di una riproduzione americana dei campi di Wimbledon e di un racconto di Philip Roth, del tennis in letteratura e di sportivi afroamericani entrati nella leggenda, ma anche di profumi e della Guerra Fredda.

L’apertura è con il botto. Lucky F#ck, premette Rick Marin, «è una storia di tennis, ma non è una storia di tennis. È la storia di un aereo che precipita, di un principe ribelle della regalità tennistica, e di eventi inesplicabili che rischiano di sconfinare nel miracoloso». L’autore scrive di Richard Laver (suo padre Ian era cugino di secondo grado dell’immortale Rod): sopravvissuto a un disastro aereo all’età di 12 anni, Richard diventa un vagabondo, si perde e si ritrova, tenta la carriera da tennista professionista, si sposa, rischia di perdere la figlia, fonda un’azienda di prodotti per bambini. Tutto in una vita, con ancora tanti anni da vivere.

In Pompeii in Queens, Steven Kurutz parla del Forest Hills Stadium: vecchio tempio del tennis, oggi casa di una colonia di gatti randagi, ma anche una location incredibile per i concerti. Qui hanno suonato i Beatles nel 1964, un anno prima dei trionfali concerti allo Shea Stadium; poi sono passati i Rolling Stones, Simon & Garfunkel, i Talking Heads e ovviamente Bob Dylan. Negli ultimi anni si sono esibiti qui Mumford & Sons e Arctic Monkeys.

Non poteva mancare Roger Federer. Chloé Cooper Jones, scrittrice e docente di filosofia, si fa inviare da Rolling Stone a Indian Wells per raccontare il tennista svizzero e i suoi fan: Champion Moves è un racconto molto divertente su un’inviata alle prese con il suo primo torneo di tennis professionistico, sperduto nel deserto, con decine di colleghi che la sanno molto più lunga di lei.

Gerald Marzorati (autore del libro Late To the Ball, appena tradotto in Italia) ci porta all’All Iowa Lawn Tennis Club. «Offre un singolo campo da tennis in erba per giocare. Ha aperto nel 2003, da allora è stato attrezzato per sembrare sempre più un campo dell’All England Lawn Tennis and Croquet Club, dove ogni estate si tiene il torneo di Wimbledon». La mente dietro al progetto è quella di Mark Kuhn, contadino dell’Iowa di terza generazione.

Tra gli articoli migliori, lo splendido Red Lawn di Ben Rothenberg che chiude il volume. L’autore, grande firma del New York Times, ci riporta agli anni settanta quando Billie Jean King e Larry King lanciarono il World Team Tennis, una sorta di Superlega «nella quale squadre di uomini e donne avrebbero gareggiato insieme di fronte a migliaia di spettatori in grandi arene nelle città più grandi degli Stati Uniti». Nel 1975, Larry andò a Mosca e organizzò un tour nell’Unione Sovietica, fu un grande successo e portò poi una squadra di tennisti sovietici a gareggiare nelle città americane. Spoiler: alla fine il World Team Tennis si è sgonfiato, anche se è durato molto più delle 48 di vita della Superlega calcistica

Classificazione: 4 su 5.
AA.VV.
Racquet. The Book
Repeater 2020
256 pp.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...